Delphine Bechevet

1976

Professoressa alla Haute école du paysage, d’ingénierie et d’architecture (HEPIA), Ginevra

"Sono arrivata fin qui grazie alla mia curiosità, ma anche perché non mi sono mai accontentata di risposte del tipo «è così e basta»."

Il mio percorso

Insegno in una scuola universitaria professionale. Oltre all’attività didattica, conduco ricerche nel settore della radiofrequenza e delle onde elettromagnetiche. Progetto e realizzo antenne per sistemi di bordo come telefoni, smart watch ecc. Sono anche responsabile del servizio gender del mio istituto.

Ciò che mi appassiona. La ricerca, c’è ancora tanto da scoprire! Per quanto riguarda l’insegnamento, ogni anno le studentesse e gli studenti cambiano, da loro non finisco mai di imparare… Lavorare nella ricerca per fare nuove scoperte e insegnare per trasmettere le mie conoscenze mi danno grande soddisfazione. In poche parole, non mi annoio mai!

Il mio percorso. Sono arrivata fin qui grazie alla mia curiosità, ma anche perché non mi sono mai accontentata di risposte del tipo «è così e basta». Durante l’anno passato a Montreal ho incontrato persone piene di entusiasmo che mi hanno dato la carica.

Difficoltà, ostacoli? I pregiudizi. Ci sono poche donne nel mio campo, ma ho avuto la fortuna di poter contare sul sostegno di uomini dalla mentalità aperta in alcuni momenti decisivi della mia carriera.

Sono orgogliosa di poter condividere le mie esperienze umane e professionali.

Questionario di Proust

Questo riquadro viene presentato nella lingua originale
Au-delà de votre profession

Ma fille, mon cheval et son éducation (je suis également équicoach et médiatrice équin), danser, encore et encore (je suis instructrice Zumba), être et faire.

Des personnes qui vous inspirent

Un ancien chef

Un livre & un film

Le Cycle de fondation (Isaac Asimov) et La Belle Verte (Coline Serreau).

Un objet

Un arc en bois

Un rêve

Oui :-)