Cécile Alligné-Münch

1979

Professoressa alla Haute école spécialisée de Suisse occidentale (HES-SO), Valais-Wallis

"Il mio contributo: aver creato un gruppo di ricerca dinamico ed efficace nel settore dell’idraulica in collaborazione con alcune aziende locali."

Il mio percorso

Insegno all’HES-SO Valais-Wallis dal 2010. La mia materia è l’idraulica a livello Bachelor e Master. Sono anche responsabile di un gruppo di ricerca nel settore dell’energia idroelettrica e partecipo a diversi progetti cantonali, nazionali e internazionali.

Adoro il mio lavoro per diverse ragioni. Innanzitutto è molto vario: non ci sono mai due giornate uguali, insegno, faccio ricerca, sono responsabile di un gruppo, comunico con il pubblico o con altri esperti. Ho sempre voluto insegnare, mi piace trasmettere le mie conoscenze e trovo il rapporto con le studentesse e gli studenti molto stimolante. La ricerca ci obbliga ad approfondire, a rimettere costantemente in discussione quello che sappiamo. In una scuola universitaria professionale si fa soprattutto ricerca applicata, il che mi dà la possibilità di assistere alla realizzazione pratica di alcune idee, ad esempio coordinare la messa a punto di nuove turbine.

La molla che mi spinge è la novità: partecipare a diversi progetti, incontrare studentesse e studenti, organizzare corsi, assumere personale…

Il mio percorso. Sono ingegnera idraulica e meccanica, diplomata presso l’Ecole Nationale Supérieure d’Hydraulique et Mécanique di Grenoble. Ho conseguito il dottorato in meccanica dei fluidi e fenomeni di trasporto con una tesi sulla simulazione numerica delle grandi scale della turbolenza. Verso la fine del post-doc all’EPFL nel settore delle macchine idrauliche, terminato il congedo di maternità, ho iniziato a cercare lavoro e il primo annuncio che mi è capitato tra le mani è stato proprio quello di un incarico di docente di idraulica presso la scuola universitaria professionale di Sion. Credo di avere avuto la fortuna di essermi trovata nel posto giusto al momento giusto. Anche se nel mio campo le donne sono poche, ho goduto del sostegno e della fiducia dei miei superiori e di vari professori sia all’HES-SO che all’EPFL, che mi hanno dato una mano a organizzare le mie attività. Senza naturalmente dimenticare mio marito, i miei genitori, altri insegnanti che ho incrociato durante la mia carriera, le colleghe e i colleghi.

Difficoltà, ostacoli? Mi piacerebbe avere più tempo per la famiglia senza rinunciare a un lavoro in cui mi sento realizzata. Per il momento non ho incontrato ostacoli veri e propri.

Sono orgogliosa di essere responsabile di progetti per lo sviluppo di nuove macchine nel campo delle energie rinnovabili e di partecipare a tappe entusiasmanti come la simulazione numerica e gli esperimenti in laboratorio. Il mio contributo: aver creato un gruppo di ricerca dinamico ed efficace nel settore dell’idraulica in collaborazione con alcune aziende locali. Il mio pregio più grande? Sicuramente l’intraprendenza.

Questionario di Proust

Questo riquadro viene presentato nella lingua originale
Au-delà de votre profession

Ma famille, la montagne, les voyages, l’art contemporain et la lecture.

Des personnes qui vous inspirent

Marie Curie et Georg Baselitz.

Un livre & un film

La métamorphose (Franz Kafka), lu très tôt et compris bien plus tard et Fitzcarraldo (Werner Herzog).

Un modèle

Mes parents, une mère active professionnellement, mais très présente, et un père professeur-chercheur qui m’a très tôt initiée aux mathématiques et aux sciences.

Un objet

Mon ordinateur sur lequel je passe des heures et des heures.

Une couleur

Le jaune

Un rêve

Voir mes filles heureuses et épanouies dans leur vie d’adulte.